Vietare le trasferte.

Ieri l’ennesima vittima di una domenica di ordinaria follia. Un tifoso del Parma è stato investito da un pullman di tifosi della Juventus in un Autogrill ed è morto in conseguenza dei traumi subiti nell’incidente.

Non capisco proprio perché non si decidano a vietare, una volta per tutte, le trasferte. Come nel caso di Gabriele Sandri, il tifoso della Lazio ucciso da un colpo d’arma da fuoco esploso (senza un valido motivo) da un poliziotto, anche in questo caso tutto ha avuto inizio con uno “incontro-scontro” tra tifoserie. Non fraintendetemi però, in nessuno dei due casi ritengo che la colpa debba essere imputata ai tifosi, le responsabilità sono evidentemente di chi, trovatosi in una situazione critica, ha preso la decisione sbagliata (il poliziotto ieri, l’autista oggi). Però è pur vero che certe situazioni sono difficili da gestire e non dovrebbero nemmeno crearsi.

Che senso ha mettere ogni domenica migliaia di tifosi violenti gli uni contro gli altri, per poi separarli con un esercito di forze dell’ordine onde evitare che si ammazzino? Non sarebbe meglio che negli stadi entrassero solo tifosi di casa? Capisco che una volta chi voleva seguire la propria squadra non aveva alternative alle trasferte, ma oggi con il calcio in TV anche questa motivazione non regge.

Vietare le trasferte.ultima modifica: 2008-03-31T15:05:00+00:00da ovvinionista
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Vietare le trasferte.

  1. mi trovo in disaccordo sulla responsabilità dell’autista assolutamente non paragonabile alla responsabilità del poliziotto. credo questo sia omicidio colposo, non preterintenzionale. e poi, la vittima non stava mica facendo l’uncinetto!

Lascia un commento